Come migrare i dati da un PC Windows ad un altro

da 25,Nov, 2014

Come evitare di perdere i propri dati quando cambiamo o formattiamo il nostro computer

Oggi vediamo punto per punto i passaggi che si devono eseguire per migrare i propri dati da un computer all’altro e che eseguiamo nel corso dei vari interventi del nostro Centro di Assistenza Informatica a Bologna.

La stessa procedura è valida anche nel caso in cui sia necessaria una formattazione (o un ripristino, leggete questo nostro articolo).

Come migrare i dati da un computer all'altro

 

Cosa possiamo migrare e cosa no?

Rispondo subito alla domanda che molti clienti ci fanno: non è possibile migrare integralmente i programmi. Se, per esempio, avete installato Word, questo non potrà essere “trasportato” sul nuovo computer, ma dovrà essere necessariamente reinstallato. In questo caso dovrete avere il disco o l’installabile, o accesso all’account da cui scaricarlo (se l’avete acquistato via Internet). Attenzione: nel caso in cui abbiate il disco o l’installabile, dovete sincerarvi che la versione sia compatibile con il nuovo sistema operativo. Office 2000, per esempio, non funziona con Windows 8…
Ad ogni modo, in molti casi è possibile migrare le configurazioni dei programmi (la disposizione delle barre dei menu personalizzate di Word e tutti i vari settaggi dei programmi Adobe, per esempio). Per sapere come si fa, cercate su Google il caso specifico per il programma o i programmi che vi interessano (esempio – Word).

 

Come migrare i nostri dati

La quasi totalità delle persone tiene i propri dati in cartelle “note”, come per esempio il Desktop, i Documenti, la cartella Immagini, le eventuali cartelle dei programmi cloud (Dropbox, Google Drive, iCloud, OneDrive): vediamo come esportare tutto.
Iniziamo con l’individuare la cartella utente. La posizione della cartella può differire lievemente da versione di Windows a versione di Windows. Se ci chiamiamo Mario Rossi e abbiamo Windows XP, la nostra cartella utente sarà C:\Documents and Settings\Mario Rossi. Se abbiamo un sistema operativo da Windows Vista in avanti la cartella utente sarà invece C:\Users\Mario Rossi.

  • Apriamo Risorse del computer
  • Apriamo il disco C:\
  • Individuiamo la cartella utente (come indicato poche righe sopra)

A questo punto dobbiamo selezionare le cartelle di nostro interesse, ovvero (per selezionare contemporaneamente più cartelle teniamo premuto il tasto Ctrl e facciamoci clic sopra):

  • Contacts
  • Desktop
  • Documents/Documenti
  • Downloads
  • Dropbox
  • Favorites
  • Google Drive
  • Music/Musica
  • Picture/Immagini
  • Saved Games
  • SkyDrive
  • Videos

Ovviamente non tutti hanno queste cartelle (chi non ha Dropbox non avrà, ovviamente, la cartella relativa) e, in base ai servizi installati, potreste averne altre specifiche (scorrendo la cartella Utente ve ne accorgete).
Ora prendiamo un supporto esterno (hard disk, chiavetta USB, etc.)e, in una cartella che andremo a creare nominandola backup gg-mm-aaaa (dove gg-mm-aaaa corrispondono alla data in cui abbiamo fatto il backup). copiamo le cartelle selezionate

 

Una scorsa ai vari programmi

Dopo aver fatto il backup “standard” (quello, cioè, delle cartelle canoniche), consiglio di aprire l’elenco dei programmi (Tasto Win > tutti i programmi, o modalità analoga dipendente dal sistema operativo) e di trascrivere la lista completa: sul nuovo computer sapremo cosa installare. Mentre trascriviamo la lista, chiediamoci per ciascun programma se ci sono dei settaggi o delle configurazioni particolari create da noi durante l’utilizzo, e che vogliamo salvare. In caso affermativo, come ho già suggerito, cerchiamo su Google la maniera per non perdere le nostre personalizzazioni.

 

La posta

La posta merita una trattazione a parte. Se usate la posta tramite client (Outlook, Thunderbird, Mail, etc.), è necessario migrare posta e rubrica. Anche in questo caso ci sono procedure diverse da programma a programma, nelle quali non mi addentrerò. Ma voglio darvi un consiglio. Siamo alla fine del 2014: abbandonate le poste tramite client e passate definitivamente alle caselle online (GMail o Outlook su tutte: sono le migliori in termini di funzionalità, e sono gratis…).

 

Ripristino del backup

Quando saremo di fronte al nuovo computer (o al computer ripristinato) copieremo i file salvati nella nuova cartella utente.
Per la posta e i singoli programmi, seguiremo invece le istruzioni specifiche.